CHI SONO GLI HPS: GIOVANNA MICELI

Mag 6, 2024 | Home shopping, Team AHPS

Ti presentiamo Giovanna Miceli, la nostra Home Personal Shopper di Reggio Calabria.

Ecco cosa le abbiamo chiesto.

 

Chi sei?

Sono Giovanna Miceli, architetto dal 2001, mamma di due ragazzi e chef dal 2021. 

Socio HPS dal 2023 alla costante ricerca di stimoli che mi facciano crescere ed assecondino  la mia evoluzione personale e professionale. Evoluzione che mi consente di alimentare la  mia creatività, fare esperienze nuove che mettono alla prova le mie capacità gestionali, di  relazione e pianificazione, attitudini qualificanti e fondamentali nelle mie attività. 

Cosa significa essere Home Personal Shopper per te?

Significa trasmettere la mia passione e competenza cercando di cogliere i desideri dei miei  clienti ed arricchire i loro spazi di funzionalità, calore, capacità di accoglierli e rispondere alle  loro esigenze. 

Dove lavori e da quanto tempo? 

Laureata giovanissima quasi 23 anni fa, ho sempre creduto nell’importanza della formazione  continua della mia professione, ho subito avviato la mia attività di libero professionista e  consulente, ampliata successivamente con la nuova passione da personal chef. Il mio ambito professionale è prevalentemente la Calabria, ma ho sviluppato diversi progetti  e consulenze a Firenze ed a Roma. Ma oggi la possibilità di relazionarsi e cimentarsi in  contesti sempre nuovi ed anche distanti dalla nostra immediata localizzazione fisica è una  sfida stimolante e possibile. 

Come lavori?

La fase conoscitiva in cui si entra in sintonia con il cliente per comprendere gusti ed esigenze  è fondamentale per il mio modo di lavorare, caratterizzato dalla capacità di razionalizzare e  personalizzare questi input per restituire ambienti organici, eleganti e funzionali con una  scelta di elementi specifici che si armonizzano nell’insieme. 

 

In cosa mi distinguo dall’acquistare in un negozio di arredo rispetto ad affidarsi a me con Home Personal Shopper?

Proprio la conoscenza dell’ambiente, l’interpretazione dei gusti della clientela in base alle  esigenze del contesto, consente di dare un supporto completo per poter affiancare ed  indirizzare qualunque scelta senza il vincolo delle disponibilità del singolo negozio ma con  l’obiettivo di garantire l’effetto complessivo dell’insieme.

 

 

Il tuo colore preferito?

Amo i colori, sia quelli pastello che forti ed accesi, Blu avio, Verde bosco, Giallo cotto, Color  Cioccolato soprattutto se scelti per enfatizzare e caratterizzare ambienti dalle tonalità neutre  come il tortora, i grigi, i beige.

Il tuo stile d’arredo preferito?

Il mio è uno stile contemporaneo e di impronta lineare ma che si apre alle contaminazioni,  di design, di pezzi antichi, elementi scandinavi o industriali o ancora arredi eclettici ma  sempre alla ricerca dell’armonia di insieme e dell’equilibrio. Ogni ambiente con i suoi spazi  e la sua luce ci trasmette delle sensazioni, a me piace interpretarle restituendo calore,  equilibrio, eleganza. 

 

 

Il libro preferito?

“ll libro delle case straordinarie” di Seiji Yoshida è teoricamente un libro per bambini ma  molto in tema, poiché presenta case uniche che mi hanno portato in un nuovo mondo ed in  storie differenti, la capanna di Huck, il rifugio sulle montagne di Heidi, la Casa di Nessun  Luogo di Master Hora; ricordandomi una casa scoperta in un libro tanto tempo fa o  un’abitazione misteriosa mai immaginata. Anche nella realtà, entrare in una nuova casa ci  dà sempre uno spaccato su chi la abita e le sue abitudini, alla scoperta della storia che si  cela dietro ogni casa. 

Un altro libro che ho amato moltissimo è “L’eleganza del riccio” di Muriel Barbery per come  sottolinea l’importanza dell’intelligenza, del garbo, delle piccole cose, della bellezza spesso  celata e della scoperta e progettualità continua che nella vita dobbiamo cogliere e coltivare.

Preferisci acquistare in piccoli negozi oppure in grandi centri?

Dipende dal tipo di acquisto, ma i piccoli negozi possono dare relazioni personali più strette e proporre oggetti più selezionati. Amo i mercatini dove si trovano sempre delle chicche. Girare per mercatini e negozi vintage non è solo parte del mio lavoro, ma soprattutto una fonte inesauribile di gioia e di ispirazione.

Quanto ami il tuo lavoro?

I grandi centri permettono di avere grandi assortimenti e prezzi convenienti per trovare tanti  pezzi, ma i piccoli negozi ti permettono di trovare pezzi particolari, piccole chicche che ti  sorprendono e rendono particolare un ambiente, una tavola, un angolo che  improvvisamente riesce ad attirare l’attenzione ribaltando gli equilibri e rendendo la ricerca  un vero e proprio viaggio. 

Perché questo lavoro così particolare?

Perché sono profondamente convinta che pur nella coerenza dei miei gusti e della mie idee  questo lavoro mi permette di cogliere sempre nuovi spunti e sperimentare nuovi contesti e  confini stilistici. 

Come hai iniziato a fare questo lavoro?

E’ sempre stato una parte del mio più ampio lavoro di architetto che con il tempo ha  acquistato maggior interesse e rilevanza, per la possibilità di intervenire e qualificare  fortemente gli ambienti anche con piccoli gesti, segni, oggetti.

L’oggetto più strano che hai comprato per un cliente o che hai proposto?

Forse non è l’oggetto più strano, ma proporre ed acquistare una Kokeshi Dolls, bambola  tradizionale giapponese, reinventata dalla Designer Lucie Kaas, raffigurante Jean Michel  Basquiat era l’oggetto di design che rappresentava la perfetta unione per chi ama il mondo  manga ed ha un animo rock, una bambina di 9 anni. 

La formazione è importante per te?

E’ per me fondamentale in tutte le strade intraprese finora e che con il tempo percorrerò,  perché sono profondamente convinta che preparazione, disciplina e metodo siano alla base  di qualunque attività anche se creativa. 

Quali sono i tuoi obbiettivi formativi per il 2024? 

– Salone del mobile come esperienza di formazione ed ispirazione

– Ricerca di botanica come ulteriore elemento di arredo per esterni ed interni

– Approfondimento nelle tecniche e ricette di cottura a bassa temperatura

 

Redazione BLOG AHPS

ASSOCIAZIONE NAZIONALE HOME PERSONAL SHOPPER

AHPS è la prima Associazione Nazionale che qualifica la categoria professionale degli Home Personal Shopper. Un consulente d’immagine e di stile per la casa, che assiste il cliente nelle fasi di shopping, consigliandolo o acquistando su sua commissione.