Laura Petrolo: Eco Home Personal Shopper

home personal shopper como

Negli ultimi post vi ho presentato il progetto HPS OFFICIAL ANGELS e i primi due “Angels” aderenti: Gian Paolo Guerra e Claudia Brachini.

Oggi invece voglio presentarvi una ragazza che ho conosciuto qualche mese fa grazie ad un’email. Mi chiedeva semplicemente informazioni per avviare la sua attività, forte di un’esperienza già notevole nel campo dell’arredamento.

Ad oggi, Laura è diventata un’amica e con lei mi diverto da morire. Simpatica, entusiasta, piena di voglia di fare, e come dico io… mezza matta! Vi presento Laura Petrolo, Eco HPS, e il suo blog:

 [su cui peraltro ha già pubblicato un post con un’intervista alla sottoscritta :-) The importance of being an Angel].

INTERVISTA A LAURA PETROLO 

– Ciao Laura, benvenuta sul blog HPS. Dicci chi sei e di cosa ti occupi.

Ciao Simo, grazie a te per l’ospitalità.

Io sono una neo HPS, ma lavoro nel settore interior già da qualche anno. La mia attività principale è quella di dare suggerimenti mirati su come dar corpo ad una stanza vuota o parzialmente arredata.
Ci si affianca la figura vera e propria dell’home personal
shopper, nel cui ruolo aiuto il cliente a trovare i pezzi
mancanti per poter definire una stanza “completa” e quella della restylist, ossia reinventare un ambiente utilizzando il più possibile pezzi preesistenti che magari si trovano in altre stanze… o in cantina

– Come ti sei avvicinata all’Home Shopping e perché hai deciso di lanciarti in questa avventura?

“Già dai tempi dell’università, mi sono sempre appassionata ad arredo e design e a darmi il “là” è stato un impiego presso un negozio di complementi e tessili d’arredo, mi sono spesso trovata a dar consigli sulle tinte da abbinare, sui materiali e le forme, piuttosto che su come dare un po’ di brio all’ambiente mediante i colori. Vedendo che il compito mi riusciva bene, a giudicare dalla soddisfazione del cliente, ho deciso di farne una professione e ne sono pienamente soddisfatta.”

Home Staging

– Mi hai contattata tempo fa per chiedere consigli e informazioni per diventare un home shopper. Da quel momento ad oggi cos’è cambiato?

“Avevo giusto deciso quale dovesse essere il cammino da intraprendere ed ecco che trovo, su una rivista del settore (Home di Febbraio – Ndr), i tuoi contatti… e tu ti sei  rivelata fin da subito simpaticissima e molto disponibile e mi hai dato parecchie dritte che si sono rivelate utili. Ne approfitto per ringraziarti ancora.
Da quando ti ho contattata, ho iniziato a muovermi nell’ambiente, ho aperto una pagina facebook, ho un sito in costruzione, sto scrivendo e appuntando idee e progetti sul mio blog, nonché conoscendo persone interessanti e stimolanti. La mia nuova strada mi piace moltissimo.”

– Dicci la tua su chi è l’home shopper e perché una persona dovrebbe rivolgersi ad una figura del genere.

“Per me l’home shopper è una figura fortemente appassionata del settore, non necessariamente un architetto o un interior designer (ad esempio io ho studiato Scenografia), che sappia cogliere le esigenze e i gusti del cliente, senza voler imporre i propri. Questo è possibile mediante un colloquio iniziale e tanto dialogo durante i lavori. Chi pensa che rivolgersi a un  professionista del settore sia troppo dispendioso, spesso sbaglia: spesso riesco a trovare soluzioni low cost facendo un restyling dell’ambiente, spostando determinati complementi, ridipingendone magari altri e integrando nuovi pezzi mirati e senza mai uscire dal budget, seppur ridotto.”

– Hai un tariffario o delle indicazioni di prezzo per i tuoi servizi?

“Si parte dai 95 euro in su, a seconda del servizio. Nei 95 euro sono compresi il colloquio iniziale, meglio se direttamente al domicilio del cliente e il primo plico di documentazione, alias le foto che scatto all’ambiente, le modifiche che suggerisco e l’elenco degli oggetti “mancanti” corredati di foto, indirizzi e contatti.

L’eventuale secondo step è quello in cui mi occupo
personalmente di tutte le modifiche in loco e dell’eventuale acquisto degli articoli suggeriti, per questo si parte dai 250 euro a seconda della dimensione dall’ambiente da trattare.”

Home Staging foto

Hai dei progetti? Se sì ti va di parlarcene?

“Io mi reputo una neofita del settore e ho una visione sempre molto creativa delle cose, a differenza dei miei colleghi Home Shopper già avviati, non ho ancora avuto clienti con grossi budget, ci sono soggiorni da reinventare con 500 euro, magari, pertanto il fattore creatività è quello preponderante.
Il mio obiettivo primo è quello di ampliare la mia cerchia e oltre che tra amici e conoscenti, diventare una figura di riferimento quantomeno a livello locale. In secondo luogo mi piacerebbe collaborare con artigiani e artisti locali per poter proporre anche arredi “a km zero” e infine il mio piccolo grande sogno nel cassetto è quello di veder realizzata una collezione di tessili d’arredo, in particolare biancheria da letto, che porti il mio nome. Troppo ambiziosa dici? Io punto in alto che non si sa mai!”

– Perché hai deciso di diventare un HPS Official Angel e cosa ti aspetti da questo network?

“Come dicevo prima, sto iniziando a muovermi solo ora nel settore e attualmente ho un sito in costruzione, pertanto rientrare in un network che racchiude colleghi che esercitano da anni, mi conduce ad una dimensione professionale. Cosa mi aspetto? Che i miei sforzi vengano premiati e che io possa diventare, con impegno e passione, un punto di riferimento a livello di zona anche grazie alla visibilità che mi dai su HPS.
Non da meno, ho deciso di aderire perché adoro la tua vitalità, le tue idee e la tua motivazione. Questo progetto sarà un successo, io ci credo!”

L’intervista è conclusa, ti ringrazio per aver partecipato e ti faccio un grosso in bocca al lupo per la tua attività!

…e benvenuta tra gli HPS Official Angels!!!

Ecco la scheda di Laura – HPS Official Angel.

Home Staging

2 thoughts on “Laura Petrolo: Eco Home Personal Shopper

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *