Gigliola Arisi, dalle scenografie teatrali all’home shopping

Home Personal Shopper roma Gigliola ArisiL’intervista di oggi è tutta per Gigliola, HPS Official Angel di Roma.

Brillante ed eclettica, Gigliola si è trasformata negli anni da scenografa ad arredatrice, allestendo spazi commerciali e privati con buon gusto e uno stile sobrio ed elegante. È approdata come naturale evoluzione all’home shopping e all’home staging.

 

Intervista a Gigliola Arisi

Come sempre, la mia prima domanda è sulla formazione degli home shopper. Questo non perché sia una ficcanaso ma per far capire che un home personal shopper è sempre un professionista competente e preparato, non un semplice appassionato di arredamento.

1 – Qual è la tua formazione? E come ti sei avvicinata al mondo dell’arredo? 

Dopo aver frequentato il liceo classico a Roma, mi concentrai sulla ricerca di una specializzazione che potesse dare espressione al mio potenziale creativo, e approdai nella Scenografia.

Ho frequentanto l’Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie di Roma, che offriva corsi biennali di specializzazione. All’epoca non esisteva ancora la progettazione virtuale, e i modellini 3D venivano realizzati interamente a mano!

Grazie agli ottimi voti riuscii ad accedere ad un master per scenografi e costumisti realizzatori, dove ho assimilato tutte le tecniche pratiche, di pittura e sartoria.

Mi sono lanciata nel mondo lavorativo entusiasta, lavorando con diverse compagnie teatrali.

Spesso il budget per le scenografie era bassissimo, il più delle volte dovevo trovare mobilio ed oggetti di recupero per arredare lo spazio scenico… di fatto ero già una personal shopper teatrale!

Uno scenografo è comunque un arredatore, quindi seguire parallelamente il mondo dell’arredamento è stato del tutto naturale. Ho iniziato proprio aiutando un’amica ad arredare la sua casa al mare. Lei troppo impegnata con il lavoro, e io mi sono occupata del progetto e dell’arredamento.  

Per un lungo periodo mi sono dedicata anche alle vetrine e all’ allestimento interno dei negozi. 

 

2 – Quali sono i legami tra il settore della scenografia e quello dell’arredo, e in cosa ti aiuta la tua precedente esperienza?

 

Tra scenografia ed arredamento c’è un legame molto stretto, forse c’è una sottile differenza riguardante il punto di osservazione: uno spazio scenico (teatrale) sarà osservato da lontano, quindi un piccolo dettaglio non si noterà, nell’arredamento, invece, la cura del dettaglio è fondamentale!

La formazione di scenografa mi ha reso una persona polivalente, in grado di seguire il cliente dall’ideazione alla realizzazione di un progetto.

Una scenografa deve imparare a cavarsela in ogni situazione, perché quando si va in scena tutto deve essere perfetto! Bisogna rispettare i tempi di consegna e sapersi organizzare il lavoro.

Le dinamiche coincidono esattamente con quelle della home shopper e della home stager: il cliente è il tuo regista, la casa il tuo spazio scenico.

 Non a caso l’HOME STAGING ha proprio l’obiettivo di “mettere in scena la casa”.

 

3 – Quando ci siamo “conosciute” (seppur virtualmente) non esisteva una “Gigliola virtuale”. In pochissimo tempo hai costruito la tua immagine online e il tuo sito. E’ stato difficile per te approcciarti al web?

 Come dici tu non esisteva un mio profilo virtuale; fare la tua conoscenza mi è servito a chiarirmi le idee, a darmi la spinta giusta per affacciarmi a questa “nuova figura professionale”, che in realtà rappresenta solo una definizione innovativa di quello che già sono.

Lo considero un rinnovo di idee e di prospettive, un ampliamento dei miei orizzonti al passo con i tempi!

Il web è un mondo infinito, l’ho sempre utilizzato, anche se mai come strumento di lavoro. Ho cercato di creare qualcosa che mi rappresentasse, costruire tutto non è stato difficile, grazie anche ai validi consigli di un’ amica che gestisce un blog da anni. Dress Your Home è nato così.

 

4 – Che tipi di servizi puoi offrire ai tuoi clienti? Ti appoggi anche ad altri professionisti o operi autonomamente di solito?

Ai miei clienti posso offrire consulenze e servizi di home personal shopping, home staging, home relooking . e progetto colore.

Per reeloking intendo anche il restauro e il restyling di vecchi mobili (dipingere e lavorare il legno è una delle mie passioni).

Mi occupo di tutto in autonomia, appoggiandomi se occorre a fornitori e piccoli artigiani di mia conoscenza. Qualora mi venga richiesta una consulenza di genere tecnico mi avvalgo della collaborazione di una collega architetto.

Per me è importante offrire un servizio che sia alla portata di tutti. L’home personal shopper non è per pochi privilegiati, al contrario, è una figura a cui ci si rivolge anche se si possiede un budget di spesa ridotto, proprio perché quel piccolo budget sarà ottimizzato al massimo dal professionista!

5 – Se potessi scegliere, di quali progetti preferiresti occuparti? (case private, B&B, appartamenti piccoli, ecc…) Di cosa ti stai occupando attualmente?

 Non ho preferenze sui progetti, ogni eventuale proposta sarebbe per me uno stimolo entusiasmante! Se proprio dovessi scegliere, i piccoli appartamenti o le case private potrebbero riservare sfide interessanti, visto che sono molto attenta alla corretta distribuzione degli spazi.

Attualmente mi sto occupando di un progetto come Home personal shopper: una cara amica mi ha chiesto di aiutarla ad organizzare la casa a seguito di un trasloco, ci sono da ultimare diverse stanze… lei è molto occupata con il lavoro e la famiglia, non ha tempo da dedicare agli acquisti.

Quindi dopo aver ascoltato le sue esigenze, le ho proposto di concordare un budget e di occuparmi personalmente dell’acquisto dei nuovi mobili e dei complementi necessari.

Ho raccolto idee e progetti in una “vetrina” virtuale, ed in base ad esigenze e gusti abbiamo concordato le scelte da fare. Alcuni mobili esistenti saranno personalizzati per dar loro nuova vita, altri invece saranno acquistati; le decisioni sono state sapientemente dosate in relazione al budget.

Il lavoro sarà ultimato a fine mese, quando la famiglia lascerà l’appartamento per andare in vacanza ed io potrò dedicarmi alla messa in opera del progetto, senza distrazioni! Ovviamente riserverò loro qualche sorpresa (di stile!).

Sono curiosa di vedere il risultato di questo lavoro! Ultima domanda di rito:

6 – L’home shopper per Gigliola è…

L’home shopper per me è,una figura polivalente, qualificata, che sa come fare della casa la TUA CASA!

È un aiuto concreto per rendere un posto accogliente e gradevole, miscelare stili, colori, tessuti e scovare buone occasioni nel mercato degli acquisti!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *