Francesca Poggi, home personal shopper di classe

Francesca Poggi Home ShopperFrancesca ed io ci siamo conosciute ad un workshop di fotografia l’anno scorso, ed è subito nata una simpatia.

Una donna di gran classe, che mi ha colpito subito per la sua voglia di rimettersi in gioco e per il suo gran gusto. Le nostre preferenze in fatto di arredo casa sono molto simili e adoro guardare le foto dei suoi lavori.

È un piacere che abbia scelto di aderire immediatamente al network, primo perché è un’amica, secondo perché è una gran professionista.

Ora ve la presento, ve ne innamorerete anche voi.

Ciao Francesca, benvenuta a bordo! Ora sei un’HPS Official Angel, ossia un “Angelo” ambasciatore che si impegnerà a diffondere la figura professionale dell’home shopper.

1. Qual è la tua formazione e di cosa ti occupi principalmente? 

Ho frequentato il liceo linguistico (ma solo perché all’epoca il liceo artistico a Piacenza non esisteva) e successivamente, una volta ottenuto il permesso di studiare a Milano, mi sono iscritta all’Istituto Marangoni, prestigiosa scuola di fashion design, oggi con sede a Londra e Parigi.

Ho lavorato poi nella moda per 10 anni, disegnando collezioni di accessori, andando a Parigi per sfilate e fiere, alla ricerca sempre di texture e tendenze.
La mia passione per la casa, i dettagli e le atmosfere mi ha portata a trasformare tutto questo in un lavoro. All’inizio sono partita arredando dalle case di amici, poi mi sono presa una pausa per dedicarmi completamente al mio lavoro di mamma e ho ricominciato qualche anno dopo, accorgendomi di quanto il mercato fosse cambiato… richieste e budget diversi.

 

2. Come sei approdata all’home staging e all’home shopping? E quale delle attività che svolgi ti dà maggiori soddisfazioni?

Home staging Francesca Poggi Il primo home staging/home shopping l’ho fatto quasi “per caso” nel 2008. Un’amica a cui non potevo dire di no aveva acquistato un bilocale da mettere a reddito e mi chiese di di occuparmene.

” Lo voglio bello come sai fare tu ma… senza spendere soldi, neanche un euro extra capitolato !!” – Così mi disse.

All’inizio ho pensato fosse impossibile, ma amo le sfide e mi sono messa al lavoro… il risultato è un delizioso bilocale, sembrava la suite di un hotel contemporaneo!

Mi sono occupata di tutto, dalla scelta del capitolato all’arredo low cost… Ho comperato con lei e per lei… ed è stato affittato alla prima visita! L’inquilino era straniero e ha apprezzato colori e atmosfere.

Pensa che lo scorso anno, quando è cambiato l’inquilino ho rifatto l’home staging e l’abbiamo riaffittato in 60 secondi!

Che soddisfazione!

 

Oggi mi occupo di home staging, home shopping e home relooking e trovo molto stimolante lavorare con tempi e budget ridotti.

La mia attività mi soddisfa in tutte le sue sfaccettature. Quando arredo case come home shopper porto i clienti a scegliere gli arredi e gli accessori per armonizzare gli ambienti, consigliandoli ma seguendo il loro gusto. Quando invece mi occupo di Home staging scelgo e compero materiali e texture dai colori più neutri per rivalorizzare appartamenti in vendita o in locazione. Parto da quello che trovo sul posto e poi integro mixando magari pezzi di Ikea o articoli trovati nei mercatini o pezzi di design se servono a rendere più contemporaneo l’ambiente.

Mi innamoro sempre delle case, e perfino mio figlio quando vede una casa che ho curato mi dice sempre “Mamma, ma è bellissima, la comperiamo noi??”

 

3. So che ultimamente ti sei occupata di home shopping per una tua cliente che lavora a tempo pieno e non può occuparsi dell’arredo casa. Spiegaci qual è stata la sua richiesta e come l’hai aiutata.

Sì, quest’estate mi sono occupata del relooking di una casa di campagna di amici. Era la casa di famiglia, piena di mobili, ricordi e oggetti… un bozzolo che iniziava a diventare stretto. L’hanno ristrutturata sostituendo vecchi pavimenti e ridipingendo i serramenti, hanno rifatto completamente un bagno e inizialmente mi avevano chiesto una semplice consulenza per il colore delle pareti.
Io però me ne sono innamorata. Mi succede sempre, vedo le case già finite, me le immagino… volevano che avesse uno stile provenzale. Una casa da vivere in famiglia e con gli amici. Lei è medico, lui viaggia spesso per lavoro e il tempo a disposizione per ultimare l’arredo e viverla prima dell’estate non c’era. Rischiavano di non godersela per mancanza di tempo!
Così le ho proposto di darmi un budget e di lasciarmi fare tutto durante le loro vacanze. Lei, entusiasta, ha detto “magari!!”.
Così, mentre loro erano in Provenza ho trasformato la casa, arredandola con pezzi trovati in cantina e oggetti scelti da Ikea, Zara Home, Maison du Monde o nei mercatini.
Un mix perfetto di vecchio e nuovo.

Sono partiti a fine luglio con la casa ancora sottosopra e sono tornati due settimane dopo con la casa arredata, le lampade, i letti fatti e i fiori freschi. Sono rimasti a bocca aperta!

 

4. Quali sono le competenze che un home shopper dovrebbe avere a tuo avviso?

Secondo me l’home shopper deve essere una persona curiosa. Io per esempio entro ovunque; nei posti inaspettati puoi trovare il pezzo che stai cercando. Deve anche saper mixare oggetti insieme, e se possibile deve viaggiare e comperare in posti diversi… in Olanda una volta ho trovato una teiera di ceramica bianca e blu a 3 euro sbirciando nel mercatino per le vie di Rotterdam, il Konnigsdag (festa regina).

Fare l’home personal shopper è molto divertente e stimolante… anche in spiaggia a volte un pareo da pochi euro mi può ispirare un allestimento!!!

 

5. Come ti presenti ai negozi e showroom d’arredamento? Capiscono subito di cosa ti occupi?

Mah, solitamente non entro dicendo “sono un home shopper”. Non so se sono ancora pronti.

Se sono con una cliente faccio presente che io lavoro per lei e mi occupo del suo arredamento, pur non nominando per forza i termini “home shopping” & co. Diversi negozi della mia città già mi conoscono e sanno già di cosa mi occupo.

6. Hai progetti in corso e/o futuri di cui vai particolarmente fiera e che hai voglia di condividere con noi?

Dopo il mio home staging del 2008 ho provato il desiderio di specializzarmi frequentando vari corsi di allestimento, fotografia e marketing a Milano e a Roma.
A gennaio di quest’anno l’associazione STAGED HOMES mi ha chiesto di diventare docente… ero molto impegnata e non sapevo se accettare, ma alla fine l’ho fatto e ne sono contenta, anche perché condivido la cosa con Emanuel De marco, agente illuminato e Home stager sensibile e raffinato.
STAGED HOMES continua a crescere, il livello dei corsi col percorso completo sta formando persone competenti ed è molto stimolante anche per me. Oltre a Milano adesso andrò a Genova e ci sono tanti altri progetti e sedi in arrivo.

 

7. L’home personal shopper per Francesca è…

Un consulente a 360° per tutto ciò che è casa.

Pensa che quest’anno mi è capitato di trovare casa ad una signora americana, che si è affidata a me per la ricerca della sua abitazione. E alla fine sai cosa mi ha detto? “You are my angel!”

Beh, avessi avuto la risposta pronta le avrei detto “Yes, your HPS Official Angel!!!”

Ecco la scheda di Francesca Poggi, HPS Official Angel.

2 thoughts on “Francesca Poggi, home personal shopper di classe

  1. Buongiorno,
    Ho appena preso una casa alla quale ho dto l’impronta provenzale /shabby chic. È una villetta ma sento che manca qualcosa. Ci siamo trasferiti da poco e mancano ancora foto e quadri appesi, ma nonostante le cose che ho creato (portacandele fatti con vecchi vasetti, mobili decapati ecc) nn sento l’atmosfera che vorrei. Vorrei sentire il calore delle case di campagna. Voi fate consulenza a domicilio anche solo per piccoli dettagli di arredo? Cio che mi manca sono gli accessori, i mobili li ho gia.
    Abito in provincia di Milano.

    Grazie
    Laura

  2. ciao, sono sabrina e ho un negozio per bimbi,devo farti i complimenti sei bravissima,mi piacciono molto le tue idee. devo arredare il soggiorno prendo qualche spunto da te…….buona giornata

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *