AMATE LA VOSTRA CASA !

Il modo in cui trattate la vostra casa rispecchia il modo in cui trattate le persone che amate. Non trascuratela; la casa ha bisogno di attenzioni, cure, amore.

E’ il luogo in cui vive la vostra famiglia, il luogo in cui vi rifugiate per riposarvi, dormire, dedicarvi ai vostri hobbies. Il luogo che condividete con le persone care, che vi accoglie dopo una stressante giornata di lavoro, dopo una vacanza, un lungo viaggio.

Insomma, trattatela bene.

NON LASCIATE CHE IL TEMPO LASCI I SUOI SEGNI

Se ci sono piccole crepe sui muri, macchie di umidità, muffa evidente, porte che si scrostano… non fate finta di niente. Sappiate che non spariranno da sole. Intervenite per tempo, prima che sia troppo tardi. Se qualcosa si rompe, aggiustatela; o sostituitela. Un’anta di un mobile, la maniglia di una porta, una lampada. Lo scotch non è nella lista delle soluzioni accettabili.

OGNI TANTO RINNOVATELA E RINFRESCATELA

Rinnovate gli arredi, bastano piccoli accorgimenti. Potete utilizzare anche gli stessi mobili ritinteggiandoli e rendendo le finiture più attuali. A volte basta cambiare tessuti e tendaggi …per far capire che vi siete accorti che hanno fatto epoca.

Non è colpa del vostro divano se il tempo passa. Potete rimediare sostituendo quella tremenda fantasia o acquistandone uno nuovo. No! Il copridivano non vale come alternativa.
Date una ripulita generale eliminando soprammobili dell’anteguerra, foto d’epoca (il tempo passa, non è una tragedia – siete carucci anche oggi), tende con ricami improbabili, cuscini sbiaditi, centrotavola vinti con i punti Mulino Bianco di quando i vostri figli giravano con i grembiulini blu. Sarà un dolore enorme, ma concedetevi di dire addio alle bomboniere di matrimoni, battesimi e comunioni di figli di amici di conoscenti di colleghi di lavoro di non mi ricordo più chi.

Accogliete gli ospiti con una nuova ghirlanda sulla porta, o uno zerbino nuovo. Ci sono una marea di idee sfiziose.

SVUOTATE I MOBILI

Svuotate i mobili dalle cose inutili. Il fatto che non le usiate da 10 anni (o che non sappiate nemmeno di averle) è un indizio sufficiente per giungere ad un’importante conclusione: non vi serviranno mai.

Buttate via i vecchi asciugamani; quelli che ormai sono talmente duri che vi fanno lo scrub e neppure si piegano più; quelli che ormai il telo per le mani e quello per il bidet hanno colori diversi. Fate lo stesso con le lenzuola. Ormai si vede che quella fantasia avrà minimo 15 anni. Rinnovate coperte e cuscini. Le cervicali ringrazieranno.

E usate l’ammorbidente. Optate per i metodi della nonna se non volete usarlo, ma fate qualcosa. Non c’è niente di più brutto che asciugarsi con un pezzo di carta vetrata.

Liberate gli armadi dei vestiti di quando eravate giovani. No, non vi andranno più. E no… vostra figlia non li indosserà. Mai. Inserite all’interno delle essenze profumate…è bello aprirli e sentirne l’odore.

A proposito, le asciugamani lavabo-bidet non le vendono in coppia per puro caso. Si abbinano. Ma pensa. (Vale anche per federe dei cuscini e lenzuola).

PAROLA D’ORDINE: PULIZIA

Potete essere disordinati (vi è concesso), ma non dovete accettare l’unto sulle ante della cucina, la muffa nella doccia, nuove forme di vita sopra i pensili della cucina e cucciolate intere di gatti di polvere sotto il letto.

Il calcare non è una scusa valida o sufficiente per giustificare quella patina biancastra sui rubinetti e sui sanitari. E se ormai la guarnizione della cabina doccia ha assunto un’inquietante colorazione verde-arancio, è arrivato il momento di cambiarla.

Ricordate: il bagno parla di voi.

VOGLIAMO PARLARE DEL GIARDINO/TERRAZZA ? 

Parliamone.

L’avvento della raccolta differenziata non ha ufficializzato la trasformazione del vostro spazio all’aperto in un centro di raccolta. Cercate di nascondere in qualche modo quei bidoni, sbizzarritevi. Un po’ di fantasia, su!

Se non avete il pollice verde, non è un dramma. Lo diventa solo se vi ostinate ad inserire piante che poi diventano un cumulo di sterpaglie marroncine con fiori secchi appesi.

Le sedie di plastica bianche comprate in offerta al supermercato non valgono come soluzione d’arredo. Eddai!

COCCOLATELA

Non occorre abitare in un castello per avere una casa accogliente.

Arieggiate spesso, eliminate i cattivi odori. Ogni tanto accendete candele profumate, datele calore.

La vostra casa cresce e cambia con voi, come voi. E’ un membro della vostra famiglia. Non lasciatela indietro.

___

Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale.

 

I commenti sono chiusi.